Raven. Una piattaforma. 3 modi per Comunicare: SMS, Email, Voce.

Codice di condotta

Ai sensi del comma 4 dell’art. 5 della delibera 42/13/CIR recante le “Norme per la sperimentazione di indicatori alfanumerici per l’identificazione del soggetto chiamante negli sms/mms impiegati per servizi di messaggistica aziendale”
AIRTELCO regolamenta l’utilizzo degli di Alias (stringa di caratteri alfanumerici trasmessa nel campo previsto per l’invio del CLI nelle comunicazioni SMS e trasmissione dati) come previsto dalla delibera AGCOM.
L’utilizzo di tali Alias è subordinato al rilascio di una dichiarazione effettuata dopo la registrazione, che diventa parte integrante del contratto, in cui l’utente si impegna a rispettare le seguenti disposizioni:
Gli Alias associati ad un numero in uso per comunicare con l’utenza finale tramite servizi di messaggistica aziendale devono essere utilizzati dalla stessa utenza.
L’Alias è costituito in modo tale da agevolare al massimo l’individuazione da parte del destinatario del soggetto responsabile del contenuto della comunicazione oppure del bene o servizio offerto dallo stesso, riducendo, al contempo, le possibilità di indurre a false individuazioni, pertanto è costituito in modo da essere distintivo dell’utente, non lesivo di diritti altrui e non ingannevole per il destinatario.
L’utilizzo di Alias che richiamino Enti ed Istituzioni pubbliche, di qualunque natura, sia di tipo generico, come ad esempio: “Ministero”, “Comune”, “Ospedale”, ecc., sia proprio, come ad esempio: “Interno”, “Roma”, “San Camillo”, ecc. è riservato esclusivamente ai medesimi Enti ed Istituzioni e non è associabile ad altri soggetti.
L’Alias non può essere composto esclusivamente da caratteri numerici.
L’Alias è determinato nel rispetto delle norme vigenti relative ai marchi.
AIRTELCO anche a fronte di tale dichiarazione, può comunque rifiutarsi, a proprio insindacabile giudizio, di concedere al cliente l’utilizzo di Alias.
I dati relativi agli Alias raccolti da AIRTELCO nell’elenco redatto ai sensi del comma 1 art. 5 della delibera 42/13/CIR verranno comunicati a chiunque ne faccia richiesta a partire dal singolo alias e a scopo di verifica di una trasmissione ricevuta. AIRTELCO si riserva di restringere in qualsiasi momento tale disponibilità in accordo con le leggi vigenti.
Si informa infine che il provvedimento 42/13/CIR da cui deriva il presente codice di condotta, ha natura derogatoria e temporanea e che tale codice è soggetto a modifiche e aggiornamenti.
AIRTELCO potrà altresì fornire servizi di transito per operatori autorizzati; in tal caso AIRTELCO non opera alcuna restrizione, in quanto la responsabilità di gestione degli alias è in capo all’operatore autorizzato che effettua la trasmissione.
AIRTELCO svolgerà per conto dei propri utenti la registrazione degli alias, collezionando gli alias alfanumerici direttamente attraverso apposito modulo presente nell’area riservata agli utenti registrarti al servizio, agevolando e semplificando al massimo il processo di presentazione degli stessi ad Agcom.